Forte di bard mostra Wildlife Photographer of the Year 2019

Riflessioni e visioni…

Forte di bard mostra Wildlife Photographer of the Year 2019
Ph Roberto Grano – scatto di repertorio non facente parte della mostra
Ph Roberto Grano – Immagine personale di repertorio non appartenente alla Mostra

Forte di bard mostra Wildlife Photographer of the Year 2019 non finirà mai di stupire per la qualità degli scatti esposti.

Mai come quest’anno, e dopo una visita in solitario durata circa 2h30′, ho colto suggestioni ed emozioni che mi hanno portato a riflettere su cosa ha reso unici questi scatti.

Ed eccomi ancora una volta a rileggere i 4 principali contenuti che rendono uno scatto unico: Luce, Sfondo, Composizione ed effetto WUAOO. Volutamente escludo il 5° principio ovvero lo ‘scatto nello scatto’ di natura più tipicamente street-photographer.

Esaminiamo più da vicino questi aspetti in relazione a ciò che ho apprezzato al Forte di bard nella mostra Wildlife Photographer of the Year 2019

La Luce negli scatti del Wildlife Photographer of the Year 2019

Tutti gli scatti esposti hanno presentato una ricerca attenta e mai banale dei tagli di luce. Ricerca a volte durata mesi in cui nell’80% dei casi Vi è stato l’ausilio del o dei flash a donare armonia, disegno e profondità.

Luce piena e luce di taglio sono state le scelte tecniche più frequenti anche nelle varianti di utilizzo strobo della luce.

Lo Sfondo negli scatti del Wildlife Photographer of the Year 2019

Lo sfondo in quasi tutti gli scatti è sempre pulito, ordinato e uniforme. Sfondo uniforme, il mio preferito. Lo sfondo che adoro e che è divenuto nel tempo il mio marchio di fabbrica. Lo sfondo uniforme per donare al soggetto importanza e rilevanza.

Tuttavia quasi sempre i soggetti sono staccati dallo sfondo con aperture delle lenti f2,8 e focali lunghe tipiche del genere fotografico naturalistico. Altre volte vediamo soggetti staccati dallo sfondo per la vicinanza della messa a fuoco, vicinanza ottenuta con l’ausilio dei trigger verso i quali la fauna stessa ha familiarizzato prima di ‘accettare’ di essere ripresa.

La Composizione negli scatti del Wildlife Photographer of the Year 2019

La composizione negli scatti del Wildlife Photographer of the Year 2019 è sempre impeccabile, a volte si rifà all’ordine geometrico degli spazi, a volte ad una attenta gestione del rapporto spazio/comunicazione ma sempre nella logica ‘nel meno c’è il più’ citazione questa di Sant’Agostino, così come amo affermare durante i miei corsi di fotografia :-).

Sant’Agostino amava voler mettere in evidenza la semplicità che in fotografia possiamo leggere come valore nelle riprese semplici e nei pochi elementi presenti nello scatto, fattore questo che rappresenta il segreto ed il richiamo visivo dei soggetti protagonisti.

A volte la prospettiva ha fatto la differenza, altre volte l’audacia, ma sempre nel rispetto dei soggetti. Complimenti!

L’effetto WUAOO negli scatti del Wildlife Photographer of the Year 2019

Sull’effetto sorpresa, sulla combinazione delle emozioni che questo genera, direi che nulla è da aggiungere alla scelta degli autori, che forse proprio per questo sono stati premiati!

Se hai piacere di restare in contatto con Noi iscriviti alle ns. news letter o segui Il ns. corso di fotografia base ed avanzato a Torino

Se vorrai Divertirti con la fotografia e far parte del ns. gruppo di amici fotografi e sei interessato ai ns. workshop o corsi di fotografia non esitare a contattarci a questo link>

Se invece vorrai semplicemente curiosare nel mio portfolio, sarai il benvenuto:

https://www.fotografomatrimonio.me/portfolio

Please follow and like us:

admin Autore